Job Hospitality

Cerca Offro lavoro nel mondo del turismo.

I grandi barmen del passato: Harry Johnson

Harry Johnson appare in contemporanea, nel mondo del bartendering statunitense, insieme al Professore. Originario di New York, si trasferisce ben presto a San Francisco, durante la corsa all’oro. Nel 1860 inizia la sua carriera lavorando come bartender nei saloon, incontrando per la prima volta Jerry Thomas.


Dopo otto anni di esperienza, decide che è giunto il momento di fare da solo, trasferendosi a Chicago ed aprendo un locale tutto suo. Diventa famoso, di pari passo al suo locale, e tiene conferenze sul tema, scrive articoli e pubblica ricette.


Nel 1871 un violento incendio distrusse per ben 6 chilometri la città di Chicago, che bruciò per ben 3 giorni, dal 8 al 10 ottobre. Anche il locale di Johnson viene distrutto. Egli perde 100.000 dollari e va in rovina. Medita così di tornare a New York, dove qui, nel 1887, rileva il Little Jumbo. Il locale in precedenza era appartenuto a Jerry Thomas; quest’ultimo si preoccuperà di affiggere un cartello nel suo nuovo locale specificando che non ha più nulla a che fare con il Little Jumbo.

Esce The bartender’s manual, che sarà ristampato nel 1934.

Tuttavia pare che Johnson dichiari che il libro è uscito nel 1860, alcuni anni prima del testo di Thomas: ciò accentuerà ancora di più la rivalità tra i due. Nel 1875 cerca di far nascere il primo sindacato dei bartenders americani, senza successo.


Nel 1880 piomba nel suo locale Jerry Thomas, che getta a terra una
bowl di un cocktail di sua creazione, il “Tom e Jerry”, accusando Johnson di essere un dilettante, in quanto il drink va servito solo quando la temperatura scende sotto lo zero. Ma gli screzi non terminano qui: Thomas fa uscire una nuova versione di How to mix drinks, e Johnson lo imita dando alle stampe The new and improved illustrated bartender’s manual. Nel 1890 decide di abbandonare il lavoro dietro al banco, per dedicarsi alla consulenza per le aperture dei locali: dai primi passi sino alla compilazione di una carta dei cocktails. Non si conosce dove abbia terminato gli ultimi anni della sua esistenza.

Fonte

Condividi sui social